Disarmate di cemento

Pubblicato: 25 giugno, 2009 in Poesia
Terremoto Abruzzo (L'Aquila) - Foto
6 aprile 2009
ore 3,32
terremoto
L’Aquila
scattano
le trappole-case
disarmate di cemento
Bambini
studenti
e povera gente
pagano
con la vita
i profitti
criminali
e sporchi
di alcuni assassini
colpevoli
di omicidio
volontario
Di alcuni assassini
col titolo incorniciato
di dottore qualificato
in cemento disarmato
Omicidio volontario
se la mente
di chi costruisce
sa cosa fa la mano
L’aquila
lastricata
di cadaveri
la strada
del dio profitto
L’aquila
lastricata
di calcinacci
e polvere
la coscienza
incosciente
dei controllori
delle case-trappole
disarmate di cemento

Teramo 19 apr. 09
Giovanni Pettinaro
Annunci
commenti
  1. Francesco Chieti ha detto:

    Occorrebbe che a tale poesia seguisse un risveglio delle “coscienze
    incoscienti
    dei controllori
    delle case-trappole
    disarmate di cemento” e se queste coscienze non si svegliassero sarebbe indispensabile che la magistratura intervenisse in modo deciso per evitare altri crolli e lutti con altre “case disarmate di cemento”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...