Khorakhané

Pubblicato: 17 ottobre, 2008 in Poesia

Più di dieci anni fa Fabrizio De Andrè la cantava inconsapevole, forse, di ciò che sarebbe accaduto in questi giorni. Il “razzismo democratico” e anche quello “non democratico” ha oramai preso il sopravvento nell’ animo del popolo italiano. O forse l’ estro geniale del cantante genovese gli aveva già fatto capire a distanza di anni come il popolo italiano si sarebbe comportato nei confronti dei popoli “stranieri”.

Per non dimenticare…

 

Annunci
commenti
  1. Francesco ha detto:

    Non sono affatto sorpreso che tu abbia scelto De Andrè per parlare dei piu’ deboli;conosco la tua sensibilità. Volevo solo dirti GRAZIE,perchè chi ascolta davvero De Andrè, sa che inevitabilmente riesce ad entrarti nelle viscere e quindi nell’animo…. Solo questo.
    Francesco

  2. mauropettinaro ha detto:

    Ti ringrazio per le belle parole. Sai che sono ricambiate. Un saluto e… naturalmente in campo musicale avere un maestro come te non può che farmi bene 🙂

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...