Evangelizzazione? No, grazie

Pubblicato: 28 agosto, 2008 in Senza Categoria

 Ieri sera, mentre passeggiavamo tranquillamente per l’aquila dopo esser stati allo spettacolo teatrale Love & Crash, io, Alessio, Chiara ed Elisa ci ritroviamo di fronte una scena a dir poco “kafkiana”. Bisogna dire che eravamo appena usciti da teatro e la situazione di suggestionalità irreale era molto forte. Fatto sta che mentre eravamo a Piazza Duomo, ad un certo punto, si vedono avvicinarsi verso di noi due giovani ragazzi… Inizialmente Chiara pensa fossero due persone in cerca di indicazioni; io due ex tossici dipendenti intenti nel venderci qualcosa. E invece… “Ciao io sono Azzura e lui è (bu chi se lo ricorda… cmq X), siamo due giovani cristiani e vogliamo evangelizzare altri ragazzi come noi”.  Lo so, lo so, ritrovarsi davanti ad una scena del genere non capita tutti i giorni e al contempo stesso ci vuole anche un pò di rispetto per chi non la pensa “esattamente” come noi… Però di tutti e 4 non ci stava nemmeno uno che potesse pensare minimamente di essere evangelizzato e, soprattutto, il modo con cui si sono presentati i 2 ragazzi era a dir poco comico. Io purtroppo non ce la faccio proprio e inizio a ridere cercando di trattenermi e di allontarmi dal luogo dell’ incontro. Il problema era che se guardavo Elisa e troppo troppo riuscivo a mantenermi, se guardavo Chiara e già lo stomaco doveva contraersi parecchie volte per resistere, non appena guardavo Alessio piegarmi per terra e iniziare a ridere era il minimo che potessi fare. Ad un certo punto anche Alessio non ce la fa più e tenta di allontanarsi scoppiando a ridere. Quando pare la calma si sia ristabilizzata, uno dei due ci chiede il motivo della nostra “infedeltà” e domanda, in maniera retorica, ad Alessio se per caso avesse il battesimo. E a quel punto lo show continua… Alessio giustamente dice che non ha il battesimo e ” l’evangelizzatore “, sbigottito, quasi non crede ai suoi occhi; poi con fare intertetto si rivolge ad Alessio pensando fosse  uno scherzo. Immaginatevi quando Alessio conferma purtroppo la reale “triste e brutale” realtà… I due ragazzi praticamente sconvolti e scossi che fino a quel punto erano stati a dir poco logorroici, rimangono senza parole. La scena che penso si sia palesata davanti agli occhi dei due “cristiani sventurati” più o meno era proprio questa: Alessio con due corna, il forcone, la coda rossa e i tre sei ben stampati sulla fronte. In pratica davanti ai loro occhi il diavolo in persona. A questo punto gli evangelizzatori (dopo aver cercato un vano quanto inutile tentativo con me spronandomi ad accendere una candelina e ad interloquire con Gesù… non vi sto a raccontare la mia risposta e la mia faccia… non credo serva…) ammainano bandiera bianca credendo, forse, che contro il male assoluto solo Dio può. Il teatro è stato bellissimo con la rivisitazione di 6 opere di Shakespare, ma quest’ ultimo siparietto meritava davvero. Chiara, nella strada del ritorno, ancora pensava che ci fossero le telecamere per strada e che qualcuno ci stesse facendo una candid camera.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...