Casca il governo? Ritornano le motivazioni

Pubblicato: 25 gennaio, 2008 in Politica

E’ inutile parlare o descrivere ciò che è successo ieri. E’ inutile narrare la cronologia degli avvenimenti che ieri si sono succeduti. Ieri è stata una giornata triste è vero, è stata una giornata in cui quelle cose buone che il governo Prodi aveva compiuto sembrano oggi andare via come neve che si scioglie. Eppure ieri mentre ero incollato davanti al pc, sul sito del corriere dove permettevano di seguire la diretta delle votazioni del senato, con le casse a tutto volume, e il telegiornale di rai due acceso per capire se il governo cadeva o meno, mentre l’ assistente di Marini scandiva cognomi su cognomi e ad uno di essi ci associava un si o un no, sentivo dentro di me l’ emozione che mi saliva su per il corpo quando aspettavo i risultati delle lunghe campagne elettorali passate. Tornavano in me insomma quelle motivazioni che in questi quasi tre anni mi hanno portato fuori da ogni vincolo partitico. Tornava la voglia di tornare ad impegnarsi di nuovo e combattere questi beceri soggetti politici la cui unica ambizione è quella di governare e prendere potere. Certo dall’ oggi al domani è ancora un attimino presto. Quando ero segretario della sinistra giovanile un anno facemmo una campagna di tesseramento con dei volantini: “Se il tuo cuore batte a destra curati”. Il mio non è mai battuti a destra ne quantomeno ci si è avvicinato. Si era solo riaffievolito a battere a sinistra, ma da ieri sempre più sento che le motivazioni stanno tornando. Certo ripeto è presto, ma chi sà con l’ arcobaleno e quindi con la sinistra unita?

Annunci
commenti
  1. Lorenzo ha detto:

    Come d’ accordo riporto il commento qui:

    LORENZO:

    “Questa volta il gioco della fiducia non ha funzionato. Due i possibili scenari:

    -Si torna al voto con il porcellum
    -Si istituisce un governo tecnico

    Il primo caso è quello che garantisce il pluralismo e dà voce anche ai partiti più piccoli. Gli stessi che hanno rallentato e spesso impedito le iniziative e le riforme. Gli stessi che hanno ostacolato una riforma elettorale (che li avrebbe uccisi) e che contribuiscono ad alzare i costi della politica.

    Il secondo caso vedrà al potere i soliti che hanno mangiato fino ad ora: gli stessi che non sono stati in grado di fare una legge sul conflitto di interessi perchè è il sistema che si regge sugli intrecci di potere. In sontanza nulla cambia.

    L’unica cosa certa è che l’instabilità rallenta lo sviluppo. E mentre qualcuno si litigherà le poltrone, l’Italia rimarrà indietro (…) rispetto all’Europa. E allora forse ha ragione Marco Tullio Giordana e il prof. de “La meglio gioventù”: “l’Italia un Paese da distruggere, un posto bello ma inutile… destinato a morire…”

    E allora viva l’Italia di vassalli e di famigli, di sottoposti e di dipendenti, la nazione dei favori e delle amicizie importanti, Il Paese del “non sai chi sono io” e delle strette di mano, l’ Italia democratica e delle libertà…. E vomito! ”

    MAURO:
    “Mi posso trovare d’ accordo con il fatto che andare all’ estero puo’ essere una soluzione, che viviamo in un paese strano, abbiamo una delle peggiori classi dirigente dal dopo guerra ad oggi, ma non dobbiamo fare un errore madornale che quasi tutti commettono. IL GOVERNO PRODI E IL GOVERNO BERLUSCONI NON SONO UGUALI. E le differenze non sono nemmeno sottili. Non cadiamo in queste banalità, perchè è così che poi finiamo col dire. Il governo Prodi non sarà stato un governo che ha contro bilanciato le sorti del paese sicuramente. Prodi non è Zapartero è vero. Ma non facciamo l’ errore madornale di assimilarlo a Berlusconi perchè poi diamo il paese a quelli che sono inquisiti con la mafia (vedi Cuffaro), ai fascisti (Mussoli e Forza Nuova), a quelli che hanno qualche condannuccia sulle spalle (mmm… forse Berlusconi?). L’ Italia non lo dicono io, lo dicono i dati Istat si sta risollevando. Mussi ha iniziato a dare sostentamento alla Ricerca seppur in maniera marginale ma ha iniziato. Bersani con le liberalizzazioni ha dato il via allo scioglimento delle lobby. E la moratoria contro la pena di morte? Il welfare?
    VI PREGO NON FACCIAMO QUESTO GRAVISSIMO ERRORE… POI SE DOVESSE RIANDARE BERLUSCA AL POTERE, LI SI CHE L’ UNICA COSA DARE SAREBBE ANDARE ALL’ ESTERO”

    LORENZO:
    “niente è paragonabile a Berlusconi. Sono consapevole del fatto che Prodi avesse imboccato la strada giusta. Conosco i dati: Padoa Schioppa ha fatto un mezzo miracolo. Il problema rimane che poteva essere fatto di più (mi riferisco alla legge elettorale, alla giustizia e alla legge sul conflitto di interessi). Rimane che il Paese è ingovernabile, che in Italia si campa di politica (ce ne sono troppi) e ad un’alta tassazione non corrispondono adeguati servizi. Purtroppo i dati ISTAT parlano chiaro pure riguardo le tasse.”

  2. mauropettinaro ha detto:

    Poteva essere fatto di più è vero!!! Ma allora siccome poteva essere fatto di più dobbiamo consegnare il paese a chi non solo non fa niente, ma “fa” solo i propri interessi? No non ci sto. E non si tratta nemmeno di sciegliere il meno peggio. Qui si tratta di scegliere tra chi ha provato a risanare l’ italia e chi invece cerca solo di affossarla.
    Ps. Per dirla nella grezza maniera

    Mauro
    PS: E cmq dobbiamo dirlo!!! Con i mille ricattini, con uno o due senatori in più, con una signora di 98 anni che teneva le redini del Senato, io credo che era il massimo che si poteva fare.

  3. marco ha detto:

    ciao mauro… sò io… ti volevo dire che c’ho la febbre alta… se sto meglio torno venerdi…. speriamo… cmq mi sto a vede tutti i tg, matrix e porta a porta… ma come andrà a finire??? si voterà??? ci sarà un governo tecnico???? Booo…
    ok ti saluto baci

  4. Mauro ha detto:

    questo Giorgino Napolitano lo sa!!!! E’ probabile che si vada ad un governo tecnico che abbia il compito di portare a termine 2 o 3 riforme importanti e legge elettorale con Marini Presidente del consiglio, ma questo solo il tempo c’è lo potrà dire.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...